top of page
Cerca

Ultraleggero caduto in Friuli. Una delle vittime un pilota delle Frecce Tricolori


Una delle due vittime morte carbonizzate nell'incidente di ieri che ha visto precipitare un velivolo ultraleggero nell'alta Val Torre, in Friuli Venezia Giulia, è un pilota delle Frecce Tricolori.

Si tratta del capitano Alessio Ghersi, aveva 34 anni.


La persona che era con lui era un parente. L'incidente è avvenuto intorno alle 18:30 di ieri, quando alcuni testimoni hanno visto il velivolo precipitare avvolto da una nuvola di fumo sprigionatasi dopo una fiammata o una esplosione. Il velivolo, un Pioneer 300 marche I-8548, era decollato poco prima da Campoformido, dove si trova una aviosuperficie.

L'Aeronautica militare ha espresso "cordoglio" per la morte del capitano Alessio Ghersi e ha reso noto che è stato annullato il tradizionale evento del Primo maggio a Rivolto (Udine) per l'apertura della stagione acrobatica. L'Aeronautica militare ha parlato di un"tragico incidente" ricordando che Ghersi era pilota in servizio presso il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico 'Frecce Tricolori', e si è "unita al dolore dei familiari".


La seconda vittima dell'incidente aereo caduto ieri sui monti della provincia di Udine è Sante Ciaccia, di 35 anni, originario di Monopoli (Bari) ma attualmente residente a Milano. Si tratta di un parente della moglie del pilota del velivolo. Secondo quanto si è appreso, Ghersi e Ciaccia stavano facendo un sorvolo serale di qualche minuto per ammirare il paesaggio montano. Un'uscita di svago favorita dal fatto che il parente era giunto in Friuli per assistere all'Airshow delle Frecce, in programma alla Base aerea di Rivolto per domani, ora annullato in segno di lutto dai vertici dell'Aeronautica militare.

13 visualizzazioni0 commenti
bottom of page