Cerca

Incendio a OVH. Un pezzo di internet è andato a fuoco: migliaia i siti in down


L’incendio a Strasburgo. Credit: account Twitter Vigili del Fuoco Strasburgo

Un grave incendio scoppiato nella notte tra il 9 e il 10 marzo ha colpito il campus di Strasburgo di Ovh, tra i principali fornitori europei di infrastrutture cloud, causando importanti disagi a chiunque dipenda dall’azienda per i suoi servizi in rete. L’imponente intervento dei vigili del fuoco francesi ha permesso di contenere i danni e attualmente non sembra vi siano vittime, anche se “non è stato possibile controllare le fiamme in Sbg2”, uno dei data center ospitati nel campus, ha twittato il fondatore di Ovh, Octave Klaba. “L’intero sito è stato isolato e questo impatta su tutti i servizi (ospitati da) Sgb1-4”, ha proseguito Klaba. “Raccomandiamo (ai clienti) di attivare il vostro piano per il ripristino di emergenza”. Anche il data center Sgb1 è stato parzialmente distrutto dalle fiamme.

Con Ovh attualmente ferma, potrebbero essere decine di migliaia le pagine web non direttamente raggiungibili. Cruciale nel mondo del cloud, l’azienda ospita nei propri data center gli applicativi di oltre 1.5 milioni di clienti, si legge sul sito ufficiale. Con sede a Roubaix, in Francia, Ovh possiede 32 data center in 19 paesi e dichiara una crescita annua del 20%, con 500 milioni di euro di profitti.

36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti